Venerdì 02 ottobre

Settimana della 5 domenica dopo il martirio – Venerdì – Santi Angeli Custodi

Vangelo

Mt 18,1-10
✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. I discepoli si avvicinarono al Signore Gesù dicendo: «Chi dunque e più grande nel regno dei cieli?». Allora chiamo a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: «In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui e più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me. Chi invece scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, gli conviene che gli venga appesa al collo una macina da mulino e sia gettato nel profondo del mare. Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che vengano scandali, ma guai all’uomo a causa del quale viene lo scandalo! Se la tua mano o il tuo piede ti e motivo di scandalo, taglialo e gettalo via da te. E meglio per te entrare nella vita monco o zoppo, anziché con due mani o due piedi essere gettato nel fuoco eterno. E se il tuo occhio ti e motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te. E meglio per te entrare nella vita con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geenna del fuoco. Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli.

Concludiamo la settimana con questa festa dei santi Angeli custodi. Non è una festa di devozione, tantomeno è una festa per i bambini. È una festa di noi cristiani adulti che dobbiamo trovare negli angeli custodi un punto di riferimento sicuro per la nostra vita di fede, per il nostro cammino, per il nostro itinerario interiore.

Mi colpisce, anzitutto, una frase del Vangelo: “i loro occhi vedono sempre il volto del Padre mio che è nel cielo”. Il riferimento è a tutti gli angeli, e, ovviamente, anche all’angelo custode. Gli occhi degli angeli custodi vedono sempre il volto del Padre e scoprono tutta la misericordia che viene data a ciascuno di noi, ma vedono anche il dolore del Padre ogni volta che la nostra vita non è in grado di scoprire la presenza di Dio in mezzo a noi, ogni volta che noi facciamo quello che ci piace, senza riferirci a quella presenza di Dio che, invece, guida i nostri giorni. L’angelo custode, poiché vedono il volto del Padre, conoscono quello che ci è necessario, sanno dove il Padre ci vorrebbe, custodiscono per noi quel segreto di vita che è la nostra vocazione. Pregare gli angeli custodi significa, quindi, pregare coloro che vedono il volto di Dio e, in esso, contemplano il mistero della nostra vita. Essi ci guidano alla verità e alla pienezza dei nostri giorni. Ecco perché il pregarli è devozione tutt’altro che infantile! È fede di chi, adulto, spera nell’aiuto di coloro che guidano i nostri passi verso la salvezza e verso la santità.

Esodo

Es 23,20-23a
Lettura del libro dell’Esodo

Così dice il Signore: «Ecco, io mando un angelo davanti a te per custodirti sul cammino e per farti entrare nel luogo che ho preparato. Abbi rispetto della sua presenza, ascolta la sua voce e non ribellarti a lui; egli infatti non perdonerebbe la vostra trasgressione, perché il mio nome e in lui. Se tu ascolti la sua voce e fai quanto ti diro, io sarò il nemico dei tuoi nemici e l’avversario dei tuoi avversari. Il mio angelo camminerà alla tua testa»

Non solo. Gli Angeli custodi, come hanno già fatto con Israele, guidano i nostri passi verso quella pienezza di vita che è la “nostra” “terra della promessa”. Come ebbero a fare con gli antichi ebrei, così anche con noi gli angeli custodi ci guidano verso quella possibilità di piena realizzazione della nostra vita in Dio che è la santità. La Scrittura è unanime nel farci conoscere come gli angeli di Dio conoscono le strade per arrivare dappertutto, ovvero conoscono come far avvenire nella storia ciò che Dio pensa dall’eternità. È per questo che possiamo invocarli come termine di una custodia che diventa necessaria. Possiamo pregare l’Angelo custode anche in questo senso.

Ebrei

Eb 1,14 – 2,4
Lettera agli Ebrei

Fratelli, gli angeli non sono forse tutti spiriti incaricati di un ministero, inviati a servire coloro che erediteranno la salvezza? Per questo bisogna che ci dedichiamo con maggiore impegno alle cose che abbiamo ascoltato, per non andare fuori rotta. Se, infatti, la parola trasmessa per mezzo degli angeli si è dimostrata salda, e ogni trasgressione e disobbedienza ha ricevuto giusta punizione, come potremo noi scampare se avremo trascurato una salvezza così grande? Essa comincio a essere annunciata dal Signore, e fu confermata a noi da coloro che l’avevano ascoltata, mentre Dio ne dava testimonianza con segni e prodigi e miracoli d’ogni genere e doni dello Spirito Santo, distribuiti secondo la sua volontà.

Infine gli angeli possono venire in aiuto nel momento della prova. A dirlo è questo brano molto intenso della lettera agli Ebrei che ci ricorda che anche gli angeli hanno subito la loro prova. Anche gli angeli hanno avuto una prova della loro libertà. Anche per essi, come è sempre possibile per noi, è stato possibile ribellarsi a Dio. Ci sono momenti di vita, che sono i momenti in cui le tentazioni si fanno più forti, in cui richiamarci all’angelo custode diventa occasione per fortificare noi stessi e per rendere più saldo il nostro cammino. In questi momenti di tentazione che possono generare fortezza, siamo invitati a chiamare in causa il nostro angelo custode, colui che ci aiuta e che ci protegge e che ci guida al compimento di quella volontà di Dio che è il senso della nostra vita e il mistero della nostra santificazione

Per noi

La preghiera all’angelo custode non diventi, quindi, oggi, una mera devozione, non diventi una preghiera da recitare con le labbra ma con il cure da un’altra parte! Diventi piuttosto occasione per chiedere a Dio, grazie a questa loro potente intercessione, ciò che ci sta a cuore, perchè possiamo realmente cercare di continuare a compiere quel cammino spirituale che deve condurci alla salvezza.

2020-09-25T22:21:44+02:00